​Educazione ​​alla ​giustizia

​a scuola di libertà


​Studenti scuole secondarie di ​secondo grado, docenti e genitori

Presentazione

​​​Un laboratorio per promuovere un’idea di giustizia come un modello di vera sicurezza sociale, basato sulla solidarietà, sulla prevenzione, sulla responsabilizzazione. Un’iniziativa per provare ad abbattere le barriere attraverso lo scambio di esperienze, le testimonianze e il confronto con i giovani, soggetti protagonisti di futuri cambiamenti culturali, ma anche con gli adulti, genitori, insegnanti e chi ha voglia di capire più che di giudicare. Vorremmo  mostrare cosa significhi violare le leggi e subire la conseguente punizione, ma anche quanto sia faticoso il ritorno alla vita libera e il reinserimento sociale.

Obiettivi del lavoro con la classe

  • ​​​Far emergere immaginari, stereotipi e diverse percezioni sui temi legati alla giustizia penale e al carcere.
  • ​​​Stimolare l’emersione di un pensiero critico sui temi della colpa, della giustizia e dell’esecuzione penale.
  • ​Incrementare le conoscenze e la riflessione sulla “restorative justice”, sulle misure di diversion penale e le misure alternative.

come è strutturata la proposta

​Il numero di incontri è da concordare, un singolo incontro ha una durata minima di 2 ore e si svolge presso la scuola, utilizzando diverse modalità:  presentazione frontale, discussione partecipata e attività di gruppo, strumenti audiovisivi.

destinatari

  • ​​​Studenti delle scuole secondarie di ​secondo grado.
  • Docenti e/o genitori.

​contatti

​​AREA CARCERE E GIUSTIZIA
Tel. 02.76037.2​54
​carcere@caritasambrosiana.it

forse potrebbero interessarti anche